News & Eventi

Forlì: il mercato ambulante bisettimanale risorsa della città
Postato il 16/10/2019

Tra le tante risorse della nostra città, non può assolutamente non essere citato il mercato ambulante del lunedì e del venerdì mattina. Oltre 200 operatori economici del settore extra alimentare che, con i loro banchi dislocati nelle vie e piazze di pregio del centro storico cittadino, integrandosi con le attività economiche in sede fissa, rendono il cuore della nostra città ancora più bello ed accogliente per i forlivesi e non solo.

Una ricchezza per la nostra città, che tocca aspetti sociali ed economici. Una ricchezza che, purtroppo, continua a scontare le difficoltà di una crisi economica prolungata, che sta investendo tutti i settori merceologici, e che ancora non mostra la sua parabola discendente. Ne consegue che l’ambulantato, così come il commercio di vicinato, mai come in questo momento ha bisogno di politiche attive ed innovative, che supportino ogni imprenditore in questa difficile fase economica nazionale e mondiale e nel contempo, preservi, grazie ad imprenditori professionali e di qualità, il valore di queste realtà economiche che animano le nostre e la nostra città. In sostanza, l’esatto contrario della direttiva Bolkestein che, in questi ultimi 2 anni, ha creato nella categoria un clima di incertezza capace di scoraggiare pesantemente tutti quegli imprenditori che desiderosi di investire, hanno desistito di fronte ad un futuro incerto e nebuloso. E’ sotto gli occhi di tutti che dopo tale direttiva, che ha visto il nostro sindacato ANVA affiancare con successo gli imprenditori affinchè le loro imprese fossero le più tutelate possibile, si è scontato un impoverimento dei mercati cittadini che ora va combattuto aumentando la qualità dell’offerta commerciale agevolando, con politiche incisive, tutti quegli imprenditori vogliosi di investire tempo e risorse in quello che è la modalità di commercio più vecchio del mondo. Quello itinerante e svolto nelle piazze e nelle strade delle nostre città. Senza dubbio vanno analizzate anche le problematiche che nascono all’interno della categoria. In primis, la difficoltà di alcuni a rispettare le basilari regole di corretta convivenza con gli altri operatori ed i relativi regolamenti mercatali che vanno dal rispetto dei segni, del posizionamento degli automezzi fino alle procedure dovute per la vendita di articoli usati. Solo per fare alcuni esempi. Da qui la necessità di stimolare, da parte degli organi competenti, controlli che permettano il regolare svolgimento dell’attività mercatale da parte di tutti gli operatori, nessuno escluso.

Quelle che riguardano un ricambio che spesso e volentieri non riesce a mantenere livelli di qualità e professionalità garantiti dal precedente imprenditore. Stimolare ed agevolare gli imprenditori ad abbellire e qualificare i loro banchi, dal punto di vista strutturale e dell’offerta commerciale, è elemento fondamentale per contrastare l’improvvisazione che spesso spinge le persone ad intraprendere questo impegnativo percorso imprenditoriale. Tornare ad investire in formazione, soprattutto per i nuovi imprenditori, è condizione fondamentale per iniziare ad invertire una tendenza che altrimenti, potrebbe pesantemente mettere a repentaglio l’attrattività dei nostri mercati. Confrontarsi sulla possibilità di svolgere o meno mercati straordinari o prolungati, ragionare, addirittura, su una nuova collocazione dei banchi nel cuore della nostra città piuttosto che trasferire tutto il mercato in altre aree, fuori dal centro cittadino, che potrebbero ritenersi maggiormente funzionali ad un suo più omogeneo ed incisivo sviluppo in termini di immagine e spazi. Quello che serve, nei fatti, è una grande riflessione che deve coinvolgere gli operatori economici del settore, nel sentirsi parte integrante di un processo di crescita e rilancio dei nostri mercati, che deve passare dalla azione di un importante Sindacato come il nostro, capace di relazionarsi nella maniera più efficace e costruttiva possibile con la categoria e con gli Amministratori delle nostre città ma anche, inevitabilmente, da una profonda necessità complessiva di mettersi in discussione.


Notizie relative al servizio

Fisco: attenzione, nuove false mail a nome dell’Agenzia delle Entrate
Area Sindacale
Postato il 24/09/2020
Confesercenti Forlì Cesena - Fisco: attenzione, nuove false mail a nome dell’Agenzia delle Entrate
Sono in corso nuovi tentativi di phishing a danno degli utenti attraverso email che sembrano essere riconducibili all’Agenzia delle Entrate. “L’Agenzia&nb ...
Continua a leggere

Nuove disposizioni introdotte dall’art. 37 del D.L. n. 76/20 in materia di regolarizzazione degli indirizzi di Posta elettronica certificata.
Area Sindacale
Postato il 24/09/2020
Confesercenti Forlì Cesena - Nuove disposizioni introdotte dall’art. 37 del D.L. n. 76/20 in materia di regolarizzazione degli indirizzi di Posta elettronica certificata.
Entro il 1° Ottobre 2020 tutte le imprese sono obbligate a comunicare telematicamente al Registro delle Imprese il proprio indirizzo PEC (Domicilio Digitale), attivo ed effettivamente riferito all ...
Continua a leggere

Buoni spesa Covid-19
Area Sindacale
Postato il 07/04/2020
Confesercenti Forlì Cesena - Buoni spesa Covid-19
Il Comune di Forlì  in linea con l'ordinanza Dip. Protezione Civile n. 658 del 29 marzo 2020, ha avviato una procedura per la costituzione/integrazione di un elenco aperto di ...
Continua a leggere

Prorogati fino al 13 aprile 2020 le misure per il contenimento da contagio da virus Covid-19
Area Sindacale
Postato il 07/04/2020
In seguito alla pubblicazione del DPCM 1 aprile, recante la  proroga fino al 13 aprile 2020 delle misure per il contenimento da contagio da virus Covid-19, il Ministro della S ...
Continua a leggere

Programmi di Formazione
Sfoglia il Giornalino
Progetto Start Up
Consorzio Promomercato Forlì
Rete Imprese Italia
Creditcomm
EPASA ITACO